Comprare una casa senza soldi

Oggi parliamo di come comprare una casa senza avere un anticipo da dare alla banca per attivare il mutuo.

L’acquisto di una casa e la relativa accensione di un mutuo sono da considerarsi quasi una tappa obbligatoria, almeno fino a qualche tempo fa.

Nel momento in cui ci troviamo a dover fare i conti con banche per l’accensione di un mutuo, ci troviamo davanti ad un ostacolo non indifferente.

La banca ha bisogno di garanzie per prestarti dei soldi per comprare una casa, e più aumentano i capitali prestati più aumentano le garanzie in gioco. 

Per chi è alle prime armi, se avete intenzione di comprare una casa quasi sempre vi viene richiesto un anticipo in liquidità da dover sborsare per accedere al mutuo.

Solitamente le banche riescono a finanziare senza problemi fino ad un massimo dell’80% del valore di acquisto della casa stessa.

Facendo qualche esempio, se volessimo comprare una casa di 100.000€, dovremo avere almeno una liquidità disponibile del:

  • 20% ovvero 20.000€
  • Spese accessorie (notaio e compravendita) che solitamente si aggirano attorno al 7/10% del prezzo di acquisto quindi: 7.000/10.000€
  • Spese di ristrutturazione, che dipendono dallo stato della casa
  • Spese di ammobiliamento, che dipendono dal gusto del compratore.

Quindi volendo riepilogare, per comprare una casa di 100.000€ abbiamo bisogno di un anticipo di circa 35.000€/40.000€.

Se si ha a disposizione questa cifra, ben venga, altrimenti siamo costretti ad andare in affitto e accumulare ancora qualcosina prima del grande passo.

Mutuo ipotecario per comprare una casa

Questa forma di mutuo prende il nome di mutuo ipotecario, e viene applicato per un semplice motivo: a garanzia.

In effetti la banca ci sta prestando dei soldi per accedere ad un bene che ha un certo valore sul mercato. Per fare questo, la banca ha bisogno di garanzie, perché si deve accertare che chi sta chiedendo dei soldi sia anche in grado di ripagare il debito.

Nel prestare i soldi la banca si sta assumendo un rischio finanziario.

In effetti in caso di insolvenza la banca è a tutti gli effetti la legittima proprietaria dell’immobile al quale ha contribuito prestandovi dei soldi per acquistarla.

In questo caso però la banca si avvale di tutta una serie di spese orientate a gestire l’immobile con aste immobiliari o compravendita tradizionale per rivendere e mettere nuovamente sul mercato quel bene, recuperando quanto versato.

Per fare questo ha bisogno comunque di una certa liquidità riconducibile all’anticipo che gli acquirenti originari avevano versato per acquistare l’immobile.

Per questo motivo viene richiesto almeno un 20% del valore in liquidità.

Purtroppo però questa cifra non è sempre disponibile, soprattutto per le giovani coppie che si ritrovano a 30 anni a non avere a disposizione una certa cifra per acquistare casa.

A questo proposito entra in aiuto questo articolo.

Come facciamo a comprare una casa senza avere una liquidità a disposizione?

Come prima cosa, un minimo bisogna sempre averlo per fronteggiare le spese notarili, di compravendita e bancarie. Quindi le famose spese accessorie e/o di ammobiliamento o ristrutturazioni devono essere nelle nostre tasche a tutti i costi.

Per l’anticipo invece vengono in aiuto i mutui al 100%.

Con le dovute assicurazioni, oggi le banche riescono a fornire un mutuo al 100% a tassi più o meno accettabili. Mentre in passato il tasso del mutuo al 100% era molto alto, con l’andamento dei tassi di interesse di questo periodo, diventa un buon compromesso da considerare. 

Questi mutui hanno un iter leggermente diverso rispetto al mutuo tradizionale.

In effetti innanzitutto non sono forniti da tutte le banche e poi bisogna avere dei particolari requisiti per potervi accedere.

Ad esempio un mutuo al 100% per un giovane di 30 anni a Milano con uno stipendio di 1500€ netti al mese segna un tasso di interesse ad oggi pari a poco più dell’1%.

Non male!

Ma le garanzie ed i discorsi fatti prima?

Ovvio che resta tutto valido. Le banche non fanno sconti!

Il mutuo al 100% è  possibile perché ci sono interventi dello Stato che fa da garante in casi specifici, come questo.

In effetti lo Stato ha stanziato un Fondo garanzia Prima Casa, gestito da Consap che, fino al 30 giugno 2022, concederà a giovani under 36 con Isee inferiore a 40mila euro una copertura pari all’80% della quota capitale in caso di mutuo con loan to value superiore all’80 per cento.

Per fare un esempio, la banca fornisce un mutuo al 100% dell’importo, dietro copertura di un massimo del 50% del capitale fino a 250.000€. 

In questo modo lo Stato aiuta coloro che hanno difficoltà economiche ad accedere comunque all’acquisto di una casa.

Ai mutui 100% però si affiancano anche altre tipologie non direttamente legate al Fondo di Garanzia Prima Casa, ma comunque convenienti. Sto parlando dei mutui al 95% che ad oggi hanno tassi di interesse molto accessibili, al pari di quelli all’80% e sono molto più frequenti e facili da trovare rispetto ai primi.

Oltre ai mutui al 100% ed al 95% ci sono altre forme per comprare casa senza soldi.

Rent to buy

Meglio conosciuto come affitto a riscatto, è una forma di finanziamento molto utilizzato soprattutto di recente.

In pratica tramite scrittura privata viene riportato l’impegno dell’affittuario, al termine di un certo periodo, o di comprare la casa presa momentaneamente in affitto o di lasciare l’immobile. Fino a questa scadenza l’affittuario versa una quota di affitto mensile, di cui una parte, solitamente il primo anno, è a fondo perduto, mentre i successivi sono ad eventuale riscatto dell’immobile.

Ad esempio se volessimo acquistare una casa di 100.000€ e versare quindi un anticipo di 20.000€ potremmo usare questa modalità stando in affitto per 6 anni e poi decidere di saldare il resto. Per ogni anno, versare 4.000€ di affitto, dove i 4. 000€ del primo anno saranno a fondo perduto.

Leasing immobiliare

Una forma simile di acquisto di un immobile è il leasing immobiliare.

Il leasing immobiliare funziona come il leasing sulle autovetture.

L’immobile è di proprietà di una banca o di un istituto di credito.

L’acquirente stipula un contratto di leasing con l’istituto di credito per un certo numero di anni, al termine del quale se è ancora intenzionato ad acquistare l’immobile, pagherà una maxi rata, altrimenti lascerà l’immobile.

Questo tipo di forma ha anche vantaggi fiscali per gli under 35.

Estensione ipotecaria

Se la banca non è disposta a fornire un mutuo al 100% con le garanzie statali, può  chiedere un altro bene di un famigliare o conoscente a garanzia.

In questo caso la banca estende l’ipoteca verso questi beni messi a garanzia, e di conseguenza diminuendo il proprio rischio finanziario è disposta a prestare una quantità di denaro superiore. Naturalmente i beni messi a disposizione dell’ipoteca non devono già avere un’ipoteca in corso. In quel caso non sarà possibile usufruire di questa possibilità.

Mutuo di liquidità su altro immobile

Questa modalità ha le stesse condizioni della precedente, ovvere l’assenza di ipoteca in corso, e consiste nel chiedere un prestito alla propria banca, ipotecando un proprio bene o immobile che si possiede, per fronteggiare spese di ristrutturazione o spese personali (incluso l’acquisto di un altro immobile).

In questo caso la somma chiesta a prestito non deve superare il 60% del valore dell’immobile che si sta ipotecando.

Ad esempio se avessimo un immobile di 150. 000€ potremmo chiedere un mutuo di 90.000€ per acquistare un altro immobile ipotecando il primo e senza nessun anticipo in liquidità.

Conclusioni

Come vedete ci sono delle possibilità per comprare una casa senza avere a disposizione dei soldi nell’immediato. 

Molti di questi richiedono il possesso di denaro o di beni da mettere a garanzia, altri invece fanno leva sugli aiuti economici dello Stato.

La prima casa è comunque un obiettivo importante, che va valutato bene prima di acquistare.

Queste soluzioni sono da considerare soltanto come ausilio alle proprie finanze.

Se non si è in grado comunque di sostenere i costi di mantenimento di un immobile, sarebbe sempre meglio evitare di acquistarlo a tutti i costi.

Pensiamo prima a sistemare le nostre finanze, creando un piano finanziario.

Fonti Money.it

Condividi con i tuoi amici:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto